Stanze impermanenti

impermanenza V1302. Il rapporto tra un tempo dinamico, impermanente e un tempo statico apparentemente permanente generano il set e la sceneggiatura. I due soggetti (Lisa danzatrice e Corrado collezionista di arte antica) non si conoscono e si incontrano per la prima volta su questo set. Entrambi esprimono la loro dimensione temporale: il flusso e l'oggetto impermanente. Il movimento della danza è un flusso che avviene in un tempo lento come una forma di pensiero del tempo, rappresentata dallo scorrere dell'acqua nell'audio. La stasi è l'oggetto magico, il feticcio che riassume in sé tutte le dimensioni temporali cercandone una somma magnifica che prevarichi la corruzione del tempo e il suo effetto impermanente. In entrambi i casi l'oggetto e il flusso sono dimensioni differenti del tempo e dell''impermanenza. La cornice del 1400 è un'ulteriore dimensione temporale: la stanza dell'azione e dell'impermanente.

Il rapporto tra un tempo dinamico, impermanente e un tempo statico apparentemente permanente generano il set e la sceneggiatura. I due soggetti (Lisa danzatrice e Corrado collezionista di arte antica) non si conoscono e si incontrano per la prima volta su questo set. Entrambi esprimono la loro dimensione temporale: il flusso e l'oggetto impermanente.
Il movimento della danza è un flusso che avviene in un tempo lento come una forma di pensiero del tempo, rappresentata dallo scorrere dell'acqua nell'audio. 
La stasi è l'oggetto magico, il feticcio che riassume in sé tutte le dimensioni temporali cercandone una somma magnifica che prevarichi la corruzione del tempo e il suo effetto impermanente. In entrambi i casi l'oggetto e il flusso sono dimensioni differenti del tempo e dell''impermanenza. La cornice del 1400 è un'ulteriore dimensione temporale: la stanza dell'azione e dell'impermanente.

 
Back to Top